Radio

Perché una Radio?

A un anno dall’inizio della pandemia, il Teatro Coppola muta temporaneamente pelle trasferendo parte della propria attività artistica e di programmazione nell’etere del web.

Nasce così il progetto radiofonico Autoradio: un palinsesto collaborativo di sperimentazioni sonore che intreccia programmi realizzati ad hoc e materiali d’archivio, con un flusso casuale di autoproduzioni musicali*.

Abbiamo scelto di occupare una frangia della rete per ristabilire un contatto con il mondo e provare a ripopolare ciò che nell’ultimo anno, e più di ogni altra cosa, ha subìto un violento processo di espropriazione: il nostro immaginario.

Quando si cerca una via di fuga e le strade, sia virtuali che reali, sono sbarrate o iper sature, non resta altro che fare un respiro e chiudere gli occhi.

Teatro Coppola Catania Autoradio logo

[Credo in tutto ciò che non vedo, e credo poco in quello che vedo]

Non resta altro che assaltare la stazione.

Segui la programmazione settimanale

Scopri i nostri programmi

R. CHI?

Anatomie di uno spionaggio

Podcast a cura di Squonk! Piccoli al Teatro Coppola

Ogni domenica pomeriggio (alle 15:00 e alle 18:00) fino al 25 aprile

TALK #1

Composizione per sintetizzatori e campionatore di Tazio Iacobacci

TALK #1

Frammenti di una conversazione tra Anne Chapman e Alan Lomax sulle canzoni degli ultimi sopravissuti della tribù Ona nella Tierra del Fuego, Argentina.

Ricordi di Famiglia

(dall’archivio di Famiglia Sfuggita)

Rubrica a cura di Benedetto Caldarella

In riproduzione casuale nella playlist di Autoradio

Split Brain

Rubrica di sound-art e interferenze contro culturali a cura di William Wilson

Split Brain

Selezioni di brani di musica sperimentale (sound-art, improvvisazioni di matrice fluxus, manipolazioni di nastri) che favoriscano la circolazione di artisti sonori ed etichette underground.

SEM PLUMAS

Una verità e mezzo

a cura di Guido Celli e Caterpillar

Rubrica radiofonica quattordicinale di poesia detta a voce di voce uscita a suono.

Signore lei non è che un culo

Testi di Erik Satie

Dramma reboante tratto da Quaderni di un mammifero di Erik Satie

Testi di Erik Satie. Voci, musica, adattamento e montaggio di Cesare Basile
Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0.00